Mediazione che non rende giustizia. Ritardo nell’apertura della camera e opposizione degli avvocati.

GROSSETO. Non chiamatela lotta di classe. Gli avvocati di Grosseto, l’opposizione all’organismo di conciliazione la stanno facendo non per difendere la loro posizione: ma quella dei cittadini. Che rischiano di veder sfumare il loro bisogno e desiderio di giustizia.

C’è il maxiemendamento, domani, che potrebbe ridisenare ancora una volta questo organismo dell’Ordine degli avvocati che a Grosseto sarà pronto all’inizio dell’anno. E c’è anche la spada di Damocle della Corte costituzionale che potrebbe cambiare alcuni aspetti di legittimità sulla quale si fonda la camera di conciliazione. «Soprattutto - dice il presidente dell’Ordine Luigi Bonacchi - perché se il 75% delle cause civili saranno dirottate in questo canale, significa che tantissimi cittadini che aspettano giustizia se la vdranno riconoscere tanto tempo dopo». Almeno con quattro mesi di ritardo per ogni causa, che costerà comunque soltanto per l’iscrizione a ruolo, diversi soldini. «Il fatto è che questo strumento esisteva per le cause di lavoro - aggiunge Bonacchi - ed è stato tolto perché non funzionava. Quello che non andava bene soltanto in un settore della giustizia ora è stato applicato a quasi tutto». E nel quasi tutto, quando si parla in termini di cause legali, ci rientrano anche i contenziosi con le assicurazioni, le banche, le aziende sanitarie, solo per fare qualche esempio. «I poteri forti, li chiamo io - dice il presidente della Camera civile di Grosseto Massimo Ceciarini - che alla fine potrebbero, in questo modo, avere la meglio su cittadini che hanno sempre minor disponibilità economica e anche voglia di andare avanti in procedimenti civili che sono spesso lunghi». E magari, pensando di risparmiare, presentarsi alla camera di conciliazione dell’ordine senza la tutela di un avvocato. «Almeno avessero introdotto una formula simile al gratuito patrocinio - aggiunge - forse avrebbe anche avuto un senso. Ma così è uno strumento che serve a poco». Anche perché, le conciliazioni, in media, si fermano a nemmeno il 20%.

Argomenti correlati:

Inviato: 5 Anni 10 Mesi fa da Susy66 #122
Avatar di Susy66
Buona sera.
Volevo esprimere una mia considerazione che nasce da una esperienza diretta. Sono di Grosseto, preferisco rimanere anonima ma solo per questioni di privacy.
Da circa un anno sono in contenzioso per questioni immobiliari, non scendo nei particolari perchè non pertinenti con quello che voglio dire. Premetto che per il mio lavoro ho spesso a che fare con la giustizia, diciamo così.
All'inizio del mese sono stata convocata alla camera di conciliazione per tentare una mediazione, la mia prima volta. Il mio avvocato mi ha spiegato quello che già sapevo sulle conseguenze della mancata partecipazione eccetera eccetera. Ho partecipato, versando la mia quota, non nascondo su mia precisa insistenza dato che l'avvocato si è sempre mostrato piuttosto scettico.
Devo dire che sono rimasta davvero molto delusa. Avevo trovato su internet molti video di simulazioni che avevo cercato per farmi un'idea di come si sarebbe svolta la cosa. Nella realtà, mi dispiace dirlo, è solo una perdita di tempo e danaro.
Non solo non è stata tentata alcuna conciliazione da parte del mediatore, ma il tutto si è risolto in cinque minuti con la sottoscrizione di un verbale di mancata conciliazione che naturalmente era scontata dato che stavamo discutendo già da mesi con i rispettivi avvocati (e figuriamoci se in cinque minuti trovavamo un accordo)!!
Quello che mi chiedo è come mai le cose in teoria dovrebbero funzionare in un certo modo e poi nella realtà funzionano sempre in modo diverso? Concedo il beneficio del dubbio nel senso che su una singola esperienza non si possono trarre conclusioni affrettate. Ma da quello che ho potuto leggere sui giornali e sentito dire, questa tanto propagandata mediazione funziona dappertutto così, senza cioè che il mediatore abbia un ruolo attivo forse anche perhè messo nell'impossibilità di averlo questo ruolo attivo proprio dalle parti e dai loro avvocati.
Così adesso sarò citata ugualmente in giudizio. Così è una presa in giro e proprio non funziona!
Inviato: 5 Anni 10 Mesi fa da Giuseppe #123
Avatar di Giuseppe
Susy, ho letto con interesse la tua esperienza. Non sapevo su youtube si potessero trovare dei video sulla mediazione, se ne trovano molti anche se alcuni sono precedenti addirittura alla legge, forse si riferiscono a qualcosa di diverso. Nel mondo anglosassone gli arbitrati sono diffusissimi, da loro hanno sempre funzionato, perché da noi sembrerebbe di no? Quali sono le differenze?



Inviato: 5 Anni 10 Mesi fa da Anonimi #124
Avatar di Anonimi
A me sembra una buona cosa

Informazioni aggiuntive