Roccastrada. Iniziativa della prima Camera di Conciliazione in alta Maremma. Ai nastri di partenza il corso per mediatore civile e commerciale

Una nuova opportunità per tutti coloro che vogliono diventare mediatore civile e commerciale. La prima Camera di Conciliazione in alta Maremma, sede secondaria dell'organismo "Concilia qui srl" (iscritto al N˚439 nel Registro degli Organismi di Mediazione del Ministero di Giustizia), coordinata da Fabrizio Tronconi e con base a Roccastrada, organizza il corso per mediatore civile e commerciale. L'iniziativa, per la quale sono già aperte le iscrizioni, si terrà a Grosseto, presso l'hotel Bastiani, nei giorni del 6, 17, 18, 23 e 24 aprile 2012, per un totale di 50 ore (orario: 9-13 15-19).

Il costo complessivo del corso è di 580 euro e una volta terminato verrà rilasciato l'attestato ministeriale. Già da tempo l'ordinamento giudiziario italiano ha introdotto la nuova figura professionale del mediatore civile, una strada alternativa e più semplice al giudice, capace di garantire una soluzione rapida a tutte quelle controversie, fra cui quelle condominiali ad esempio, che in media durano dieci anni. Il compito principale del conciliatore-mediatore è quello di condurre le parti in lite ad un accordo. La mediazione rappresenta in realtà l'attività professionale svolta da un terzo imparziale e diretta a coadiuvare due o più soggetti sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta per la soluzione della stessa. Ed inoltre presenta numerosi vantaggi: costi bassissimi; tempi di definizione della controversia ridotti ad un massimo di quattro mesi; se positiva ricuce i buoni rapporti tra le parti e non lascia più in contrasto le persone come contrariamente accade nelle cause in Tribunale; verbali esenti da bolli e tasse ed in caso di successo della mediazione vengono riconosciute agevolazioni fiscali. Per ricevere ulteriori informazioni sull'attività e sull'iscrizione al corso: 0828 211147 - 338 7940232 oppure 0564 564125 - 347 2711409, e consultare il sito internet www.conciliaquisrl.it.

Giulia Focardi

Argomenti correlati:

Inviato: 5 Anni 10 Mesi fa da Susy66 #122
Avatar di Susy66
Buona sera.
Volevo esprimere una mia considerazione che nasce da una esperienza diretta. Sono di Grosseto, preferisco rimanere anonima ma solo per questioni di privacy.
Da circa un anno sono in contenzioso per questioni immobiliari, non scendo nei particolari perchè non pertinenti con quello che voglio dire. Premetto che per il mio lavoro ho spesso a che fare con la giustizia, diciamo così.
All'inizio del mese sono stata convocata alla camera di conciliazione per tentare una mediazione, la mia prima volta. Il mio avvocato mi ha spiegato quello che già sapevo sulle conseguenze della mancata partecipazione eccetera eccetera. Ho partecipato, versando la mia quota, non nascondo su mia precisa insistenza dato che l'avvocato si è sempre mostrato piuttosto scettico.
Devo dire che sono rimasta davvero molto delusa. Avevo trovato su internet molti video di simulazioni che avevo cercato per farmi un'idea di come si sarebbe svolta la cosa. Nella realtà, mi dispiace dirlo, è solo una perdita di tempo e danaro.
Non solo non è stata tentata alcuna conciliazione da parte del mediatore, ma il tutto si è risolto in cinque minuti con la sottoscrizione di un verbale di mancata conciliazione che naturalmente era scontata dato che stavamo discutendo già da mesi con i rispettivi avvocati (e figuriamoci se in cinque minuti trovavamo un accordo)!!
Quello che mi chiedo è come mai le cose in teoria dovrebbero funzionare in un certo modo e poi nella realtà funzionano sempre in modo diverso? Concedo il beneficio del dubbio nel senso che su una singola esperienza non si possono trarre conclusioni affrettate. Ma da quello che ho potuto leggere sui giornali e sentito dire, questa tanto propagandata mediazione funziona dappertutto così, senza cioè che il mediatore abbia un ruolo attivo forse anche perhè messo nell'impossibilità di averlo questo ruolo attivo proprio dalle parti e dai loro avvocati.
Così adesso sarò citata ugualmente in giudizio. Così è una presa in giro e proprio non funziona!
Inviato: 5 Anni 10 Mesi fa da Giuseppe #123
Avatar di Giuseppe
Susy, ho letto con interesse la tua esperienza. Non sapevo su youtube si potessero trovare dei video sulla mediazione, se ne trovano molti anche se alcuni sono precedenti addirittura alla legge, forse si riferiscono a qualcosa di diverso. Nel mondo anglosassone gli arbitrati sono diffusissimi, da loro hanno sempre funzionato, perché da noi sembrerebbe di no? Quali sono le differenze?



Inviato: 5 Anni 10 Mesi fa da Anonimi #124
Avatar di Anonimi
A me sembra una buona cosa

Informazioni aggiuntive