Responsabilità giudici: Camera approva. Di Pietro furioso: "delitto"

(AGI) - Roma, 2 feb. - Il governo e' andato sotto alla Camera. L'aula di Montecitorio ha infatti approvato l'emendamento alla legge Comunitaria, presentato dalla Lega, sulla responsabilita' civile dei magistrati. Il governo, con il ministro Enzo Moavero Milanese, aveva dato parere negativo. La Camera ha approvato l'emendamento della Lega sulla responsabilita' civile dei magistrati con 264 si'. Sono stati 211 i voti contrari. Esulta la Lega. "E' stata ristabilita' in maniera netta la separazione dei poteri. Questa e' una vittoria del parlamento che rappresenta i cittadini - afferma Gianluca Pini, esponente della Lega, ed autore dell'emendamento alla legge comunitaria sulla responsabilita' civile dei magistrati che ha avuto il via libera della Camera, nonostante il parere contrario del governo -. Non e' un provvedimento punitivo nei confronti di quella enorme massa di magistrati che svolge il proprio lavoro correttamente, ma e' anche un modo per dire basta a certi privilegi".

Forte critica all'emendamento da parte del Pd. Il voto di oggi sulla responsabilita' civile dei magistrati e' "inaccettabile". Lo ribadisce Pierluigi Bersani, parlando in Transatlantico. "Il governo ora deve porsi un problema, non puo' esserci chi lo sostiene con fermezza e lealta' e chi si tiene le mani libere", afferma il segretario del Pd. Per Bersani "serve un chiarimento. Al Senato - dice - la norma va corretta, non possiamo assistere al riemergere di vecchie maggioranze che si parli di Rai o di giudici". Veemente la critica di Di Pietro: "Mentre il Paese brucia, dentro la Camera si e' commesso l'ennesimo delitto. Infatti e' stato approvata una legge che, al tempo stesso, e' una vendetta e un ammonimento nei confronti dei magistrati". Lo afferma in una nota il leader dell'Italia dei Valori, commentando il via libera della Camera alla norma che introduce la responsabilita' civile dei magistrati. "Sembra proprio di tornare a vent anni fa - prosegue Di Pietro - quando nel lontano febbraio del '92, i magistrati stavano scoprendo le malefatte del Palazzo e in Parlamento tutti si volevano nascondere dietro l'immunita' parlamentare, tacciando per semplici mariuoli quelli che erano anelli terminali della catena. Anche oggi, mentre i cittadini assistono allibiti alle ruberie della casta e i magistrati stanno scoprendo reati gravissimi, le Camere, invece di prendere provvedimenti contro coloro che violano la legge, prendono provvedimenti contro i magistrati. Ho paura - conclude il leader IdV - che questa volta, dopo vent'anni, non ci sara' solo una 'Mani Pulite' giudiziaria, ma una nuova 'Mani Pulite' del popolo che alzera' i forconi".



Argomenti correlati:

Inviato: 5 Anni 7 Mesi fa da RobyRot #251
Avatar di RobyRot
Sono d'accordo con te. Il passo successivo del legislatore, secondo me, dovrebbe essere quello di prevedere una copertura assicurativa OBBLIGATORIA per tutte quelle figure professionali (a questo punto compresi i magistrati) dove il sempre possibile errore può avere ripercussioni gravissime sul destinatario della "prestazione".
Mi pongo però un altro problema sulla questione della responsabilità dei magistrati: chi dovrebbe giudicarla? Lo stesso ufficio giudiziario dove è in servizio? Le regole sulla competenza porterebbero nella quasi totalità dei casi a questo. Immagino che fine faranno tutte le cause di risarcimento!

Informazioni aggiuntive