Senza catene a bordo? Dimmi dove sei e ti dirò se prendi la multa

Su molte strade c’è l’obbligo anche se di neve nemmeno l’ombra. La polizia più severa è sulla Fi-Pi-Li Finora in Toscana la notte più fredda è stata quella del 20 dicembre, quando il laboratorio Lamma ha registrato una temperatura media minima di -3º. Due giorni dopo la colonnina di mercurio è risalita, fino a raggiungere lo zero termico, ben al di sotto del livello di Natale: 6 gradi. Ma nonostante che l’inverno proceda ad andamento svogliato, con la cime appenniniche solo da poco imbiancate, qua e là fioccano le prime multe per chi transita senza catene da neve|catene a bordo. Sono i primi effetti delle ordinanze emesse dagli enti che, dopo il caos provocato dalla nevicata del 17 dicembre 2010, sono corsi ai ripari imponendo fin dallo scorso novembre l’obbligo delle catene o degli pneumatici da neve sulle strade e le autostrade di loro competenza. Un autentico rompicapo per gli automobilisti toscani, costretti a destreggiarsi nella giungla di obblighi e divieti, la cui efficacia è totalmente legata all’ambito di pertinenza di Province, Comuni e società gestrici delle autostrade. Senza dimenticare l’imbarazzo per chi deve fare rispettare le disposizioni in un dicembre in cui la media della temperatura è stata abbondantemente sopra lo zero. Così non è da stupirsi se in alcune zone fioccano le prime multe e in altre prevale invece la tolleranza, stante un cielo sgombro di nubi davvero inconsueto per il periodo stagionale.

Sulla superstrada FiPiLi l’indulgenza rasenta il minimo. Solo la polizia stradale ha incassato finora 12mila euro per distrazione o dimenticanza degli automobilisti. Da inizio mese a oggi, infatti, gli agenti hanno fatto circa 150 multe, a cui vanno aggiunte quelle elevate dalla polizia provinciale. La stretta è scattata il primo dicembre, dopo che per due settimane gli agenti si erano limitati a informare e ad ammonire. Un avvio soft per indurre gli automobilisti alla consapevolezza che basta un mezzo di traverso sulla carreggiata ghiacciata a provocare la paralisi di un’arteria. Come appunto accadde poco più di un anno fa, quando una montagna di vetture e camion separarono il centro della Toscana dalla costa, con migliaia di automobilisti imprigionati nel freddo e la protezione civile messa a dura prova. Per evitare che la storia si ripeta, dal 2 dicembre si è preso a multare. Ogni sanzione varia da un minimo di 80 a un massimo di 318 euro. I più indisciplinati, sulla FiPiLi, si sono mostrati i camionisti: il 18% dei controllati è risultato sprovvisto di catene, rispetto al 2% degli automobilisti. Controlli capillari anche a Pistoia, dove l’ordinanza è entrata in vigore con alcuni giorni di ritardo rispetto ad altre zone della Toscana. Sulla Firenze-Mare non esiste l’obbligo delle catene a bordo, eccezion fatta nel tratto di bretella tra Lucca e Viareggio. Sulle altre strade, soprattutto quelle che attraversano le zone montane, i controlli sono invece costanti. Finora ne sono stati eseguiti 144 dalla Polstrada, di cui 5 su mezzi superiori ai 35 quintali, con due violazioni riscontrate. Nel resto del Pistoiese si è risolto l’enigma se portare o meno le catene a bordo quando la temperatura è alta: a Monsummano, Pieve a Nievole e Larciano sono obbligatorie su tutte le strade, ma solo quando nevica. Analoga disposizione varrebbe per la vicina Montecarlo, in provincia di Lucca, dove tuttavia alla delibera della giunta comunale non è seguita l’installazione dei cartelli stradali. Quindi, se i cartelli non ci sono, le infrazioni non possono essere contestate. Come sulle strade provinciali di Massa e Prato: emanato il provvedimento dirigenziale, ci si è resi conto che nessun agente avrebbe potuto contestare l’inosservanza dell’obbligo proprio per l’inesistenza delle segnalazioni. Tuttavia le ordinanze sono in vigore e per evitare di essere multati, chi non ha gli pneumatici da neve fa bene a portarsi appresso le catene «anche perché chi non le ha e in caso di neve causa un incidente - spiega Fabrizio Vignoli, comandante del distaccamento Polstrada di Empoli - può subire a proprie spese il diritto di rivalsa dell’assicurazione».



Argomenti correlati:

Inviato: 6 Anni 7 Mesi fa da Giacomo #155
Avatar di Giacomo
E' vero che servono anche per andare a Massa Marittima?
Inviato: 6 Anni 7 Mesi fa da Gado #173
Avatar di Gado
In provincia di Grosseto l'unico tratto di strada con obbligo di catene a bordo è quello della senese? Vado spesso a Siena passando da Prata e mi hanno detto che la stradale fa controlli. Risulta?
Inviato: 6 Anni 6 Mesi fa da Giac #200
Avatar di Giac
Mi chiedo se sia legittimo imporre l'obbligo delle catene in un determinato periodo ma solo in caso di ghiaccio o neve. Se mi fermano chiedendomi se ho le catene e in terra non c'è ghiaccio visibile cosa scrivono sul verbale? Chi lo decide se la strada è ghiacciata o no? Fanno le foto? Mi sembra un sistema furbo per far cassa!

Informazioni aggiuntive