Costa Concordia. Clamorosa decisione del tribunale Usa nella causa collettiva. Affermata la giurisdizione americana

ISOLA DEL GIGLIO. Clamorosa decisione della United States District Court for the Southern District of Florida, come stanno riportando i media americani, nella causa collettiva proposta dai 104 passeggeri della Costa Concordia, promossa dal Codacons e rappresentati dagli studi legali americani Napoli Bern Ripka Shkolnik & Associates LLP e Proner & Proner, con la richiesta di risarcimento danni record di 2 milioni di dollari a passeggero e oltre 590 milioni di danni punitivi. La Corte Federale, nei 2 ricorsi Denise Abeid-Saba, et al., contro Carnival Corporation et al., e Scimone contro Carnival Corp., ha respinto l'eccezione della Carnival, citata in giudizio in quanto società controllante la Costa e disegnatrice delle navi, e ha rinviato la causa alla Corte statale della Florida.

Leggi tutto...

Concordia, udienze formato «maxi»

Calendario fitto di impegni per l’ufficio gip del Tribunale di Grosseto, per quanto riguarda il naufragio della Costa Concordia. La prima udienza davanti al gup Pietro Molino — e con questo il ritorno di Grosseto al centro dell’attenzione mondiale e dell’ex comandante Francesco Schettino in città — è stata fissata per lunedì 15 aprile, ma si tratterà essenzialmente di questioni tecniche con costituzioni delle parti e, probabilmente, eccezioni. Il teatro Moderno è comunque a disposizione del Tribunale fino al 24 aprile. E poi ancora dal 13 al 22 maggio e dall’8 al 20 luglio.

Leggi tutto...

Concordia, il 15 aprile l’udienza preliminare. Prima il patteggiamento di Costa Crociere

GROSSETO. Altro che “aprile dolce dormire”. A Grosseto sarà un mese di fuoco con i primi passi del lungo iter giudiziario sulla tragedia della Costa Concordia. Lunedì 15 aprile, infatti, il Teatro Moderno ospiterà la prima udienza preliminare per decidere sulla sorte delle sei persone per le quali la Procura di Grosseto ha chiesto al Gup Pietro Molino il rinvio a giudizio. Si tratta dell’ex comandante Francesco Schettino, degli ufficiali di plancia Ciro Ambrosio e Silvia Coronica, del timoniere indonesiano Jacob Rusli, del manager Roberto Ferrarini e dell’hotel director Manrico Giampedroni, l’eroe poi finito indagato.

Leggi tutto...

Informazioni aggiuntive