Tribunale di Milano, Sez. VII, 14.09.2012

Ai sensi dell'art. 1754 c.c. il mediatore è colui il quale mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare. Al fine del riconoscimento del diritto alla provvigione risulta idonea anche l'esplicazione della semplice attività consistente nella ricerca e nell'indicazione dell'altro contraente, ovvero nella segnalazione dell'affare, non assumendo alcuna rilevanza che il mediatore abbia partecipato attivamente alle successive trattative. Il diritto alla provvigione consegue non alla conclusione del negozio giuridico ma dell'affare inteso come qualsiasi operazione di natura economica generatrice di un rapporto obbligatorio tra le parti, anche se si estrinseca in una concatenazione di più atti strumentali, purché diretti nel loro insieme a realizzare un unico interesse economico, pur dr von una pluralità di soggetti.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive