Tribunale di Milano, Sez. I, 04.12.2012

E' valida ed efficace la notifica a mezzo posta eseguita nelle mani del soggetto qualificatosi come custode dell'immobile di residenza del soggetto destinatario dell'atto, che abbia provveduto alla sottoscrizione degli avvisi di ricevimento nella parte riservata alla firma della persona delegata. In tal senso, invero, deve rilevarsi che nell'ipotesi in cui il portiere o il custode di un condominio riceve la notifica di un atto quale addetto alla ricezione ed in tale veste è indicato nella relazione dell'ufficiale giudiziario o dell'agente postale procedenti, invero, ricorre la presunzione legale, iuris tantum, della qualità dichiarata, la quale, per essere vinta, necessita di una rigorosa prova contraria che nel caso di specie non è stata fornita da controparte. (Fattispecie avente ad oggetto la conseguente ritenuta ritualità dei procedimenti di notifica dei processi verbali di contestazione elevati a carico della ricorrente per infrazioni al C.d.S. - D.Lgs. n. 285 del 1992 - eseguiti ex art. 139 c.p.c. a mani di soggetto delegato dal destinatario al ritiro degli atti).



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive