Tribunale di Como, 11.12.2012

Sulla scorta delle disposizioni di cui all'articolo 182-quinquies, commi 1 e 2, R.D. n. 267/1942 (legge fallimentare), è possibile autorizzare l'estensione di linee di credito per l'anticipo di fatture emesse dal debitore - importi che assumeranno, pertanto, natura prededucibile - qualora l'operazione, sulla scorta delle risultanze della relazione redatta dall'esperto e degli altri elementi informativi acquisiti, si prospetti necessaria alla continuità aziendale, non dannosa per il patrimonio della ricorrente e funzionale ad una migliore soddisfazione dei creditori anche in una eventuale ipotesi liquidatoria (nel caso di specie, l'incremento dei debiti e degli oneri finanziari era controbilanciato dall'incremento di maggiori crediti commerciali ritenuti di incasso certo sulla base della relazione del professionista).



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive