Tribunale di Milano, 18.10.2011

Con riferimento alle delibere di distribuzione degli utili e di determinazione del compenso degli amministratori (specialmente nelle società a responsabilità limitata, nelle quali è la norma che soci ed amministratori coincidano), il conflitto di interessi tra società e soci è "in re ipsa", poiché sia la distribuzione di utili sia i compensi degli amministratori vanno ovviamente a detrimento del patrimonio sociale. Tuttavia, non per questo, i soci che siano anche amministratori sono impossibilitati a partecipare a tali deliberazioni. Se si ritenesse rilevante il conflitto di interessi in queste delibere, si giungerebbe a paralizzare la società, i cui soci dovrebbero astenersi dal deliberare per non danneggiare la società attribuendosi utili ovvero determinando il proprio compenso di amministratori.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive