Tribunale di Roma, Sez. IV bis, 26.10.2011

Nel processo d'esecuzione, nel caso in cui siano proposte opposizioni di tipo differente (agli atti esecutivi e all'esecuzione), l'estinzione del giudizio comporta la cessazione della materia del contendere (per sopravvenuto difetto di interesse a proseguire il processo), solamente rispetto alle opposizioni agli atti esecutivi, mentre, rispetto alle opposizioni aventi ad oggetto il diritto a procedere ad esecuzione forzata, in rapporto all'esistenza del titolo esecutivo o del credito, permane l'interesse alla decisione. Inoltre, se oggetto dell'opposizione è la pignorabilità dei beni, l'interesse torna a cessare quando il pignoramento è caduto su somme di denaro o di altre cose fungibili, perché il vincolo imposto dal pignoramento su questo genere di cose, si esaurisce con la sopravvenuta inefficacia del pignoramento.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati