Tribunale di Trapani, Sez. lavoro, 28.10.2011

Una volta riscontrata la regolarità del procedimento di notifica delle cartelle esattoriali di pagamento ed il decorso dei termini per l'impugnazione delle stesse ex art. 24, D.Lgs. n. 46/1999, tutti i motivi di opposizione attinenti alla prescrizione delle ragioni creditorie ovvero alla mancata notifica degli atti prodromici, non possono formare oggetto di ulteriore analisi giudiziale, perché già assorbiti dalla sopravvenuta definitività delle impugnate cartelle. Ragion per cui una volata consolidatosi, per decorso del termine di quaranta giorni, il titolo esecutivo, il contribuente che introduca avverso il medesimo titolo, un'opposizione all'esecuzione ex art. 615 c.p.c., non potrà far valere quelle medesime eccezioni non proposte tempestivamente con l'opposizione avverso l'iscrizione a ruolo.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati