Corte d'Appello di Firenze, Sez. lavoro, 29.10.2011

E' infondato il gravame volto alla riforma della sentenza con la quale sia stata respinta la domanda del ricorrente volta ad accertare il diritto al riconoscimento del superiore inquadramento ed alla corresponsione delle differenze retributive maturate laddove lo stesso, inquadrato come magazziniere, invochi il riconoscimento del livello superiore sul presupposto dello svolgimento di mansioni impiegatizie. Orbene, ritenuto che la mansione di magazziniere comporta la responsabilità per le varie attività associate al ricevimento delle merci, al carico, allo scarico, all'immagazzinare, allo spedire ed al rilascio di materiali ed articoli, ne deriva che le molte mansioni amministrative per le quali il ricorrente rivendica il riconoscimento del superiore inquadramento, devono intendersi già comprese nel profilo di appartenenza in quanto operazioni connesse al movimento delle merci da e per il magazzino.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati