Tribunale di Firenze, Sez. I, 05.12.2011

Nei confronti del prevenuto che senza giustificato motivo si tratteneva nel territorio dello Stato in violazione dell'ordine impartito dal Questore di lasciare il territorio italiano nel termine di cinque giorni dalla data di notifica del provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto, deve pronunciarsi sentenza di assoluzione non essendo più prevista la fattispecie come reato. La fattispecie incriminata, difatti, si pone in contrato con la Direttiva Europea n. 115 del 2008, c.d. "direttiva sui rimpatri", con impegno degli Stati membri ad adeguare i rispettivi ordinamenti interni alla stessa. Orbene, essendo decorso inutilmente il termine concesso a tal fine, ne deriva l'immediata efficacia, nell'ordinamento italiano della direttiva comunitaria con conseguente disapplicazione dell'art. 14 con essa contrastante.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati