Tribunale di Novara, 21.12.2011

L'accettazione del paziente in una struttura pubblica o privata deputata a fornire assistenza sanitaria - ospedaliera, ai fini del ricovero o di una visita ambulatoriale, comporta la conclusione di atipico contratto a prestazione corrispettive, da taluni definito "contratto di spedalità" e da altri "contratto di assistenza sanitaria", che va ben oltre la fornitura alberghiera, comprendendo anche la messa a disposizione di personale medico ausiliario, paramedico, l'apprestamento di medicinali e tutte le attrezzature necessarie anche per eventuali complicazioni e che ciò comporta che la responsabilità della struttura sanitaria nei confronti del paziente possa avere natura contrattuale tanto in relazione a propri fatti di inadempimento ex art. 1218 c.c. quanto per la condotta dei medici dipendenti ex art. 1228 c.c..



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive