Corte d'Appello di L'Aquila, 12.01.2012

La libertà di forma dell'atto costitutivo di un rapporto di prestazione d'opera professionale non significa affatto che la prova del conferimento contrattuale dell'incarico possa essere generica o approssimativa, anzi: l'esigenza di una rigorosa dimostrazione tanto più si configura in casi di incarico articolato in più prestazioni successive e, in coordinazione le une con le altre, finalizzate alla realizzazione di un complesso edilizio e per un rilevantissimo corrispettivo. Nella fattispecie, la scheda del Progetto Urbanistico Esecutivo, potendo essere liberamente scaricata dal sito internet del comune, in alcun modo suffragare, anche come mero indizio, la tesi dell'avvenuto conferimento del mandato per la realizzazione di un progetto del valore corrispondente al mezzo miliardo di lire.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive