Corte d'Appello di Milano, 18.04.2012

La "nuova" regola introdotta dal legislatore del 2006 di escludere, in via generale, l'impugnabilità del lodo arbitrale per error in iudicando (restano, ovviamente, salvi i rimedi per error in procedendo, così come quelli tipizzati al primo comma dell'art. 829 c.p.c.), rappresenta un punto di equilibrio fra: a) la valorizzazione dell'autonomia privata, poiché si stabilisce che spetti alla libera scelta dei contraenti se rendere impugnabile, o meno, il lodo per tale tipo di vizio; b) l'irrobustimento della reciproca fiducia fra le parti, poiché si prevede che i contraenti, almeno "di norma", confidino nella giustezza e nella correttezza del lodo, tanto da escludere la sua impugnabilità; c) l'introduzione di elementi di deflazione del carico giudiziario civile; d) la salvaguardia di un accertamento giurisdizionale della nullità del lodo esteso anche agli errori di diritto (con eventuale, conseguente, giudizio rescissorio) attraverso la pattuizione "ad hoc".



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive