Corte d'Appello di Napoli, Sez. III, 22.05.2012

In tema di locazioni immobiliari, l'ordinanza di convalida dello sfratto, per morosità del conduttore, mancato pagamento dei canoni di locazione, ove non oggetto di opposizione, sostituisce giudicato in ordine all'accertata morosità ed in ordine alla risoluzione del contratto per inadempimento. L'ordinanza de qua, difatti, è un provvedimento giurisdizionale irrevocabile che ha valore di cosa giudicata sostanziale sull'esistenza del contratto di locazione, su quella del credito per il pagamento dei canoni e sull'inesistenza di fatti impeditivi, modificativi od estintivi dell'uno o dell'altro, che non siano stati dedotti in corso di causa. La pronuncia di risoluzione per inadempimento del contratto di locazione, quale contratto ad esecuzione continuata o periodica, ha sì, efficacia costitutiva ma retroagisce dal momento dell'inadempimento.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive