Corte d'Appello di Napoli, Sez. II, 17.09.2012

L'illegittimità costituzionale degli artt. 5-bis, comma quarto, D.L. n. 333 del 1992, convertito con modificazioni nella legge n. 359 del 1992, in combinato disposto con gli artt. 15, comma primo, secondo periodo, e 16, commi quinto e sesto, della legge n. 865 del 1971, nonché in via consequenziale dell'art. 40, commi secondo e terzo, D.P.R. n. 327 del 2001 (T.U. espropriazione per p.u.), nella parte in cui prevedono che in ipotesi di espropriazione di un'area non edificabile e non coltivata la indennità di esproprio è determinata in base al criterio del valore agricolo medio corrispondente al tipo di coltura prevalente nella zona o in atto nell'area da espropriare, impone all'attualità che la determinazione della indennità di stima avvenga avendo riguardo alle caratteristiche essenziali del bene ablato.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive