Corte d'Appello di Genova, Sez. IV, 11.10.2012

E' infondato l'appello esperito ai fini della riforma della sentenza di prime cure con la quale sia stata respinta la domanda volta ad ottenere il riconoscimento del diritto alla rivalutazione dell'anzianità contributiva per l'avvenuta esposizione ad amianto del lavoratore nel corso dell'attività lavorativa laddove la CTU pur ritenendo sussistente detta esposizione per un certo periodo di tempo, non la ritenga significativa per il periodo successivo cosicché non risulta integrato il requisito dell'esposizione ultradecennale necessario per il riconoscimento del beneficio. L'applicazione della rivalutazione contributiva presuppone infatti, l'adibizione ultradecennale del lavoratore a mansioni comportanti un effettivo e personale rischio morbigeno a causa della presenza nei luoghi in cui viene svolta la prestazione lavorativa, di una concentrazione di fibre d'amianto superiore ai valori di legge, non essendo sufficiente una mera esposizione alle fibre d'amianto in qualsiasi misura.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati