Corte d'Appello di Milano, Sez. III, 22.10.2012

Incorre nell'imputazione per il reato p. e p. dall'art. 189 CdS il prevenuto che alla guida della sua autovettura, dopo aver determinato con la propria condotta di guida un incidente stradale da cui derivavano lesioni all'altro conducente, non ottemperava all'obbligo di fermarsi. Il dovere di fermarsi sul posto dell'incidente deve durare per tutto il tempo necessario all'espletamento delle prime indagini finalizzate all'identificazione del conducente e del veicolo condotto perché, ove si ritenesse che la durata della prescritta fermata possa essere anche talmente breve da non consentire né l'identificazione del conducente, né quella del veicolo, né lo svolgimento di un qualsiasi accertamento sulle modalità dell'incidente e sulle responsabilità nella causazione del medesimo, la norma finirebbe per essere priva della ratio e di una qualsiasi utilità pratica.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati