Corte d'Appello di Genova, Sez. IV, 25.10.2012

Ai sensi dell'art. 645 c.p.c., comma 1°, l'atto di citazione in opposizione al decreto ingiuntivo deve essere sempre notificato dall'opponente al ricorrente nei luoghi di cui all'art. 638 c.p.c. e quindi presso il procuratore indicato in ricorso, equivalendo, detta indicazione, ad elezione di domicilio. Nel caso di specie però, è accaduto che l'opposto abbia eletto domicilio presso lo studio dell'avvocato domiciliatario, diverso dal proprio difensore per cui non sarebbe stato possibile all'opponente la notifica dell'opposizione presso il procuratore indicato in ricorso del quale, nell'atto, neppure risultava menzionato l'indirizzo. In una tale situazione, quindi, non resta che ritenere valida la notifica effettuata presso il domicilio eletto ovvero presso il domicilio reale del creditore.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive