Tribunale di Taranto, 09.01.2012

Merita accoglimento la domanda giudiziale in forza della quale il Condominio, proprietario di un locale concesso in uso all'Enel per l'installazione di una cabina elettrica per il periodo di nove anni rinnovabile tacitamente, chieda condannarsi la società al pagamento dell'importo dovuto per l'uso continuativo del locale condominiale, a decorrere dall'inizio dell'utilizzo dello stesso, laddove l'Enel assuma la titolarità di un rapporto d'uso gratuito senza che il rapporto intercorrente tra le parti in causa sia regolamentato da un contratto costitutivo di un diritto reale d'uso, regolarmente trascritto nei registri immobiliari. Ne discende che in assenza di una specifica disciplina contrattuale ed a fronte di una sintetica previsione regolamentare, è da ritenersi che il condominio abbia concesso un diritto d'uso a carattere non reale da cui deriva l'obbligo del corrispettivo.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive