Tribunale di Foggia, 16.01.2012

Incorre nell'imputazione per il reato p. e p. dall'art. 678 c.p., il prevenuto che al fine di compiere il reato di furto, previa effrazione della porta in metallo di accesso al vano carico del distributore di sigarette, agendo in concorso con altre persone rimaste ignote, deteneva due grossi petardi senza avere la licenza dell'Autorità e senza le prescritte cautele. Nella categoria delle materie esplodenti rientrano quelle sostanze, tra cui i petardi, prive di potenzialità micidiale sia per la struttura chimica, sia per le modalità di fabbricazione, dovendo invece annoverarsi nella diversa categoria degli esplosivi, la detenzione di quelle sostanze caratterizzate da elevata potenzialità lesiva che, per la loro micidialità, sono idonee a provocare un'esplosione con elevato effetto distruttivo.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive