Tribunale di Taranto, 17.01.2012

E' fondata la domanda giudiziale esperita dall'attore al fine di ottenere l'esecuzione in forma specifica dei contratti preliminari aventi ad oggetto il trasferimento della proprietà di diversi immobili, giusta scrittura privata formalizzata tra le parti, laddove non risulti stipulato il contratto definitivo per inadempimento del promittente venditore. L'art. 2932 c.c. instaura un diretto e necessario collegamento strumentale tra il contratto preliminare e quello definitivo destinato a realizzare effettivamente il risultato perseguito dalle parti. Esso prevede esplicitamente al terzo comma che nel caso in cui i contratti abbiano ad oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa determinata o la costituzione o il trasferimento do un altro diritto, la domanda non può essere accolta se la parte che l'ha proposta non esegue la sua prestazione o non ne fa offerta nei modi di legge, salvo che la prestazione non sia esigibile. Ne deriva che la parte che invochi l'esecuzione in forma specifica di un contratto preliminare ad effetti reali, deve adempiere la sua obbligazione e deve dare la prova del proprio adempimento.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati