Tribunale di Foggia, Sez. II, 31.01.2012

Nei confronti del prevenuto imputato per il reato di cui all'art. 2, comma 1° bis della legge n. 638 del 1983, perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, quale l.r. della ditta, ometteva il versamento all'INPS dei contributi trattenuti sulle retribuzioni corrisposte ai lavoratori dipendenti, deve pronunciarsi sentenza di non doversi procedere, per difetto delle condizioni di procedibilità, laddove non risulti raggiunta la prova del perfezionamento della notifica dell'avviso con il quale l'ente previdenziale gli dava facoltà di evitare l'esercizio dell'azione penale, entro 3 mesi dal ricevimento dell'invito ad adempiere il pagamento della sanzione dovuta. Ai fini della legittimità della notifica, infatti, ove l'ufficiale giudiziario che esegua la notificazione non rinvenga il destinatario dell'atto, è tenuto ad inviare raccomandata con avviso di ricevimento con cui dà notizia dell'avvenuto deposito del plico presso l'Ufficio Postale.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati