Tribunale di Potenza, 09.02.2012

In materia condominiale, fino alla sentenza delle S.U. n. 9148 del 2008, le obbligazioni scaturenti dal diritto di condominio dovevano considerarsi solidali con la conseguenza che tutti i condomini potevano rispondere dell'intero debito verso un terzo, restando salvo il diritto di agire in rivalsa contro gli inadempienti. Trattandosi però di materia disponibile, le parti potevano convenire la parziarietà del debito sino ad arrivare a considerare ogni singolo condomino obbligato limitatamente per la propria quota. In seguito alla sentenza del 2008 si è assistito ad un'inversione di tendenza ritenendo che ogni condomino può essere convenuto in giudizio esclusivamente per il proprio personale adempimento e l'amministratore, salvo diverso accordo, perde la legittimazione processuale di rappresentante dei condomini.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive