Tribunale di Milano, Sez. lavoro, 29.02.2012

In linea di principio, può certamente accedersi alla tesi che un lavoratore possa ritenersi facoltizzato a estrarre copia di documenti societari (di cui ovviamente abbia la disponibilità per ragioni d'ufficio e sempre che si tratti di copie e non degli originali) se tale condotta possa essere inquadrabile in una necessità di successiva produzione in giudizio a propria tutela. Tuttavia tale (in ipotesi tutelabile) prerogativa del dipendente non può essere considerata come incondizionata, dovendo evidentemente essere contemperata anche con il corrispondente diritto (non meno degno di tutela) del datore di lavoro volto a tutelare il patrimonio aziendale e, per quanto di interesse, assicurare il rispetto di specifiche prerogative dello stesso (ivi compresa la circolazione di dati, notizie e informazioni sensibili).



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive