Tribunale di Ivrea, 01.03.2012

Incorre nell'imputazione per il reato p. e p. dall'art. 697 c.p., la prevenuta che con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, detenga illegalmente una rivoltella priva di munizioni ma efficiente, una pistola giocattolo ed una pistola scacciacani. Il porto di una pistola ad aria compressa integra il reato contravvenzionale di cui all'art. 4 della legge n. 110 del 1975 solo se la potenzialità lesiva dell'arma non sia particolarmente elevata e che le armi da bersaglio da sale ad emissione di gas o ad aria compressa sono escluse dalla categoria delle comuni armi da sparo, rientrando nella più ampia categoria di "armi" cui fa riferimento il su citato art. 4 e non invece nell'ambito della previsione dell'art. 697 c.p.; ne deriva che la detenzione della pistola scacciacani non può considerarsi arma in senso stretto in quanto idonea a produrre soltanto effetti sonori.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive