Tribunale di Milano, Sez. XII, 08.03.2012

Il mancato pagamento dei canoni da parte dell'utilizzatore del bene, integrando pacificamente inadempimento dell'obbligazione a suo carico gravante, legittima la società concedente all'azione giudiziale per la restituzione del bene concesso in leasing quale conseguenza della risoluzione del contratto a seguito dell'inadempimento dell'utilizzatore. Un tale inadempimento, in ogni caso, non può ritenersi giustificabile con il ricorso ad una eccezione di inadempimento, già svolta ante causam, in ragione di difetti di funzionamento del bene ogni qualvolta il bene sia stato dall'utilizzatore scelto presso un determinato fornitore e successivamente acquisito dalla concedente società di leasing cui l'utilizzatore si sia successivamente rivolto. Con la consegna del bene all'utilizzatore ogni eventuale vizio del medesimo può essere, invero, fatto valere direttamente ed unicamente nei confronti del fornitore.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati