Tribunale di Taranto, Sez. III, 06.04.2012

Deve rigettarsi la pretesa risarcitoria avanzata dall'istante in relazione al sinistro nel quale sia rimasto coinvolto all'uscita da una curva ove, a causa dell'asfalto bagnato, abbia perso il controllo del mezzo urtando contro un muro a secco collocato sulla sua sinistra. Orbene, nel caso di specie, attese le drammatiche conseguenze dedotte dall'istante, appare verosimile che lo stesso procedesse a velocità sostenuta, certamente inadeguata al tratto di strada percorsa, peraltro con asfalto bagnato, ed alla scarsa visibilità in cui l'evento si era verificato. La presenza di dette circostanze avrebbe dovuto consigliare ad un automobilista accorto e prudente una velocità particolarmente moderata per cui, dall'accertata violazione delle regole di comune prudenza non può che derivarne il rigetto della domanda risarcitoria.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive