Tribunale di Bari, Sez. II, 10.04.2012

L'eventuale prescrizione di comparizione personale del destinatario del divieto di cui all'art. 6, comma primo, della legge n. 401 del 1989, contemplata nel comma secondo del medesimo articolo, costituisce un mezzo strumentale per rendere effettivo il divieto al quale afferisce, oltre che un aggravamento della misura, in quanto la comparizione incide sulla libertà personale in senso stretto, tanto da necessitare della convalida da parte dell'Autorità Giudiziaria. In tal senso, il controllo giurisdizionale della misura deve ritenersi correttamente effettuato qualora la convalida del GIP, intervenuta nel prescritto termine delle 48 ore, non risulti gravata nei termini indicati dalla legge, non potendo in merito ipotizzarsi un'asserita nullità della stessa poiché intervenuta in un termine tale da non consentire il deposito di memorie. Allo stato, invero, non esiste alcuna prescrizione di legge che preveda una ipotesi di nullità assoluta al riguardo, unica che consentirebbe di essere rilevata in qualsiasi stato e grado.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive