Tribunale di Monza, 10.04.2012

E' fondato l'appello formulato ai fini della riforma della sentenza di prime cure con la quale sia stata rigettata la domanda volta all'accertamento dell'intollerabilità delle immissioni di rumore provenienti dall'appartamento dei convenuti, sovrastante quello di proprietà dell'attrice, con condanna degli stessi alla riconduzione delle immissioni nei limiti della normale tollerabilità e con conseguente risarcimento del danno non patrimoniale nei limiti della competenza per valore del giudice adito. L'accertamento del livello intollerabile delle immissioni percepite all'interno dell'appartamento di parte attrice, comporta la condanna dei convenuti all'esecuzione delle opere necessarie per ricondurre le immissioni sonore nei limiti della normale tollerabilità, oltre che al risarcimento dei danni non patrimoniali causati all'istante.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive