Tribunale di Bari, Sez. lavoro, 16.04.2012

Il Ministero del Lavoro nella Circolare n. 4 del 29.1.2008, in tema di attività di accertamento in materia di collaborazioni coordinate ed in particolare a progetto, stabilisce che, in assenza di una formalizzazione del progetto, ovvero di altri elementi, il personale ispettivo provvederà comunque a ricondurre la fattispecie contrattuale nell'ambito del rapporto di lavoro subordinato, senza svolgere alcuna ulteriore attività istruttoria. La circolare evidenzia, infine, alcune tipologie di attività lavorativa che non sembrano adattarsi con lo schema delle collaborazioni coordinate e continuative, identificate, a titolo esemplificativo e non esaustivo, nelle attività svolte dalle seguenti figure professionali: addetti alle agenzie ippiche, addetti alle pulizie, autisti, autotrasporatori, letturisti di contatori. Per essi - chiarisce la circolare - il personale ispettivo ricondurrà tali fattispecie nell'ambito del lavoro subordinato ove non sia dimostrato l'elemento essenziale di una autentica e concreta autonomia nell'esecuzione dell'attività oggetto del contratto. Se questa è la conseguenza nell'ipotesi in cui le parti abbiano comunque disciplinato il rapporto di lavoro attraverso la sottoscrizione di un contratto di lavoro a progetto, tale conseguenza discende a maggior ragione in quelle ipotesi in cui le parti non hanno regolamentato (come nel caso di specie) in alcuna maniera l'esecuzione della prestazione lavorativa.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive