Tribunale di Verona, 17.04.2012

Ove, all'atto del fallimento del promittente venditore, risulti già pendente il giudizio promosso dal promissario acquirente per l'esecuzione ex art. 2932 c.c. del contratto preliminare e, in via subordinata, per la risoluzione del contratto stesso e la restituzione della caparra, la possibilità che il promissario acquirente venga ammesso al passivo a tale ultimo titolo dipende dall'esito del giudizio ordinario ancora pendente; tale subordinazione rende condizionale, ai sensi dell'art. 96, R.D. n. 267/1942 (legge fallimentare), la domanda di ammissione al passivo che andrà, pertanto, accolta; sarà poi rimesso al giudice delegato il compito di procedere alla conseguente modifica dello stato passivo ai sensi dell'art. 113-bis, R.D. n. 267/1942 (legge fallimentare), nella misura che verrà determinata ad esito del giudizio pendente.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive