Tribunale di Salerno, Sez. I, 24.04.2012

La nullità della clausola di conto corrente contenuta nei contratti bancari con cui sono stati addebitati interessi anatocistici su base trimestrale è rilevabile d'ufficio e non trova ostacolo nella approvazione da parte del correntista degli estratti conto, poiché occorre distinguere tra la validità delle operazioni bancarie riportate nell'estratto conto, conformi per riporto contabile ai rapporti obbligatori da cui derivano, dalla legittimità delle obbligazioni e del contratto che ha dato luogo a tali operazioni, detto aspetto sostanziale può formare sempre oggetto di contestazione, oltre i limiti dell'art. 1832 c.c.. In particolare, si ritiene che la mancata opposizione scritta comporti l'approvazione delle annotazioni fatte dalla banca, solo per ciò che attiene alla consistenza contabile, e non anche per la verifica sulla validità del titolo che ha dato luogo a tale annotazione.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive