Tribunale di Roma, Sez. II, 02.05.2012

Dal sistema delle leggi recanti disposizioni sulla corresponsione di indennizzi, incentivi ed agevolazioni a cittadini ed imprese italiane per beni perduti in territori già soggetti alla sovranità italiana (legge 19 dicembre 1971, n. 961, legge 26 gennaio 1980, n. 16 e legge 5 aprile 1985, n. 135) si rileva, quale consolidata direttiva ordinamentale, quella di attribuire agli aventi diritto all'indennizzo una posizione di diritto soggettivo e non di semplice interesse legittimo, come tale riconosciuta, "in primis", mediante l'affermazione del principio secondo cui l'indennizzo deve essere pari al valore dei beni, diritti ed interessi (cfr., in particolare, per le perdite verificatesi in territorio etiopico, l'art. 4 comma primo della citata legge n. 135/1985 che sostituisce l'art. 5 della legge n. 16/1980).



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive