Tribunale di Padova, Sez. II, 04.05.2012

L'onere imposto dall'art. 1892 c.c. all'istituto assicuratore di manifestare, allo scopo di evitare la decadenza, la propria volontà di esercitare l'azione di annullamento del contratto, per le dichiarazioni inesatte o reticenti dell'assicurato, entro tre mesi dal giorno in cui ha conosciuto la causa dell'annullabilità, non sussiste nel momento in cui il sinistro si verifichi prima che sia decorso il termine ed ancora di più nel caso in cui il sinistro si verifichi prima che l'assicuratore sia venuto a conoscenza dell'inesattezza o reticenza della dichiarazione. Ed infatti, in siffatte ipotesi, è sufficiente per la compagnia di assicurazioni, al fine di sottrarsi al pagamento dell'indennizzo, che la medesima invochi, anche mediante eccezione, la violazione dell'obbligo a carico dell'assicurato.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive