Tribunale di Bologna, 11.05.2012

Si configura il delitto di resistenza a pubblico ufficiale in capo al prevenuto che al fine di opporsi all'operato dei PP.UU. della Polizia di Stato, che intervenivano nell'atrio della stazione ferroviaria chiedendogli i documenti per l'identificazione, a seguito della continua violazione del divieto di fumo imposto nei locali medesimi, minacciava gli agenti, non ottemperando alla richiesta di esibire i documenti di identità tanto da doversi ricorrere all'accompagnamento presso gli uffici di P.G. Nel caso di specie è integrata anche la fattispecie di cui all'art. 651 c.p. in virtù della legittima richiesta proveniente dai PP.UU. nell'esercizio delle loro funzioni, cui il prevenuto opponeva rifiuto per lungo tempo sino ad indurre gli agenti a condurlo presso i loro uffici per procedere all'identificazione. Detta fattispecie si perfezione con il semplice diniego di fornire le richieste indicazioni, a nulla rilevando, ai fini della sussistenza dell'illecito, che esse vengano fornite in un momento successivo.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati