Tribunale di Genova, Sez. lavoro, 14.05.2012

E' infondato il ricorso giudiziale volto ad ottenere la conversione dei diversi contratti a termine stipulati tra la ricorrente il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, in un contratto a tempo indeterminato con conseguente risarcimento dei danni subiti ostando, all'accoglibilità della domanda, l'esistenza di una specifica normativa nel settore scolastico che prevede un complesso sistema di reclutamento del personale non di ruolo al fine del soddisfacimento di esigenza temporanee tra loro differenziate. Inoltre nel rapporto di lavoro a termine nella scuola manca una omogeneità nei titoli tra precedente e nuovo contratto in quanto ogni nuova attribuzione di supplenza segue ex novo la procedura amministrativa prevista dalla legge per la designazione dell'aspirante al posto, a cui proporre l'incarico, con la conseguenza che il successivo contratto non può a nessun titolo qualificarsi come rinnovo di quello precedente.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive