Tribunale di Bari, Sez. III, 15.05.2012

Dei danni causati dal furto commesso da persona introdottasi in un appartamento condominiale avvalendosi dei ponteggi installati per i lavori di rifacimento della facciata dell'edificio, rispondono in via solidale tanto la ditta appaltatrice dei lavori quanto il condominio. Infatti, poiché è noto che le impalcature ed i ponteggi costituiscono, di per sé stesse, una facile agevolazione per i ladri, sia l'imprenditore che il condominio hanno l'obbligo di mettere in atto adeguate forme di tutela volte ad evitare l'accesso agli appartamenti condominiali, come, ad esempio la sistemazione di un sistema antifurto. Sebbene solidale, tuttavia, la fonte della responsabilità di tali soggetti è differente: quella dell'imprenditore deriva infatti dalla violazione del divieto di neminem ledere sancito dall'art. 2043 c.c.; quella del condominio dalla violazione del dovere di custodia ex art. 2051 c.c.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive