Tribunale di Genova, 21.05.2012

Si impone la pronuncia di una sentenza di assoluzione, per insussistenza del fatto, nei riguardi del prevenuto imputato per il reato di evasione perché, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, si allontanava dall'abitazione senza giustificato motivo e senza alcuna autorizzazione. Nel caso di specie, la circostanza per la quale il prevenuto abbia affermato di non aver udito il suono del citofono, (azionato dai carabinieri che la mattina intorno alla 10.45 si erano recati presso la sua abitazione per eseguire il controllo circa la sua presenza in casa, perché stava dormendo), e la conferma della circostanza nella deposizione dei genitori conviventi, data l'assenza di elementi da cui poter desumerne la falsità, induce alla pronuncia di una sentenza di assoluzione per insufficienza di prove.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive