Tribunale di Napoli, Sez. VII, 21.05.2012

Incorre nell'imputazione per il reato di truffa l'imputata che al fine di procurare a se o ad altri un ingiusto profitto, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, in qualità di delegata alla riscossione delle pensioni emesse in favore di un altra persona, deceduta in epoca antecedente, con artifici e raggiri costituiti nell'omettere di comunicare all'INPS il decesso della beneficiaria e sottoscrivendo all'atto della riscossione una dichiarazione attestante la sua esistenza in vita, continuava a percepire indebitamente i compensi relativi ai ratei della pensione nel mese successivo al decesso. Ai fini dell'accertamento del reato de qua, l'elemento soggettivo è costituito dal dolo generico, diretto o anche solo indiretto, avente ad oggetto tutti gli elementi costitutivi del reato ossia l'inganno, il profitto ed il danno.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive