Tribunale di Milano, Sez. IV, 29.05.2012

Nei contratti aventi ad oggetto la consegna di merci dall'una parte all'altra, la prova della consegna all'acquirente può essere fornita con ogni mezzo, fatti salvi i limiti imposti dalla legge, anche quando siano state rilasciate bolle di consegna. Ne consegue, dunque, che nell'ipotesi in la sottoscrizione apposta su tali bolle sia stata disconosciuta la parte può alternativamente proporre istanza di verificazione di scrittura privata, affidando all'esito la dimostrazione della consegna, ovvero chiedere di provare la consegna con altri mezzi probatori, tale che qualora la parte convenuta in giudizio al fine di essere condannata al pagamento della somma dovuta per la consegna delle merci indicate nelle fatture prodotte unitamente ai documenti di trasporto, recanti la sottoscrizione del vettore, rimanga contumace, non muovendo contestazioni sulla conclusione del contratto, né sulla consegna delle merci o sulla congruità degli importi richiesti, la domanda deve essere accolta.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive