Tribunale di Milano, Sez. X, 07.06.2012

Il riferimento a determinati pregiudizi, in vario modo denominati, nell'ambito dell'ampia categoria del danno non patrimoniale risponde ad esigenze puramente descrittive, ma non implica il riconoscimento di distinte categorie di danno. Tale pregiudizio deve essere, pertanto, liquidato unitariamente, con compito a carico del Giudice, di accertare la effettiva consistenza del pregiudizio allegato, a prescindere dal nome attribuito, facendo luogo alla individuazione delle verificatesi ripercussioni negative sul valore-uomo ed alla loro integrale riparazione, nonché alla valutazione, entro il danno biologico e congiuntamente, di tutte le sofferenze soggettivamente patite dal danneggiato in relazione alle condizioni personali del medesimo ed ai risvolti che concretamente ha determinato la lesione alla integrità psico-fisica.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive