Tribunale di Firenze, Sez. I, 08.06.2012

Incorre nell'imputazione per il delitto di peculato in capo al prevenuto che in qualità di incaricato di un pubblico servizio, essendo preposto alla riscossione delle tasse automobilistiche per conto della Regione, quale titolare della tabaccheria con annessa ricevitoria, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, avendo la disponibilità di una cospicua somma di denaro in ragione dei versamenti effettuati per le tasse automobilistiche, se ne appropriava parzialmente, operando, a seguito di espressa richiesta dell'Ente Pubblico, solo un parziale versamento della somma incassata, trattenendo la parte rimanente. Le modalità dell'azione dei tabaccai nell'espletamento della convenzione di riscossione delle tasse automobilistiche, evidenziano tutti gli aspetti dell'esercizio di una funzione pubblica essendo, tale attività, disciplinata da norme di diritto pubblico e perseguendo interessi pubblici come l'acquisizione di tasse destinate alle Regioni. I tabaccai, quindi, svolgono funzioni autoritative e certificative tipiche della pubblica funzione amministrativa e del P.U., avendo la qualifica di incaricati di pubblico servizio un carattere residuale da cui sono esclusi solo coloro che svolgono semplici mansioni d'ordine.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive