Tribunale di Milano, Sez. VIII, 13.06.2012

L'introduzione del procedimento cautelare palesemente infondato, e la sua coltivazione dopo l'eventuale sollecito giudiziale, va ricondotta a meri intenti defatigatori, e dunque a colpa grave, e si risolve - in buona sostanza - in un abuso del processo che impone l'affermazione della responsabilità aggravata ex art. 96, terzo comma, c.p.c.. Non si può infatti sottacere che la condotta processuale del ricorrente che abusi dello strumento processuale, nell'attuale contesto di limitate risorse destinate agli uffici giudiziari, e dei ripetuti sforzi legislativi volti a contenere la durata dei processi, comporta un dispendio di energie processuali allungando inevitabilmente i tempi di trattazione generale delle liti, sia relativamente agli altri procedimenti d'urgenza, sia riguardo alle controversie a cognizione ordinaria.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive