Tribunale di Nocera Inferiore, 14.06.2012

In relazione alle locazioni di immobili ad uso diverso da abitazione, l'art. 36, legge 27 luglio 1978, n. 392 (Equo canone), a norma del quale l'affitto o la cessione dell'azienda non sono indicati in posizione di necessaria corrispondenza rispettivamente con le ipotesi della sublocazione o della cessione del contratto di locazione, ha la finalità di agevolare il trasferimento delle aziende esercenti la loro attività in immobili condotti in locazione dall'imprenditore e di tutelare l'avviamento commerciale; e proprio in ossequio a tale ratio legis esclude la necessità del consenso del locatore sia per la cessione dell'azienda che per la sub locazione del locale ove la stessa si svolge, neppure richiedendosi che la sublocazione dell'immobile o la cessione del contratto di locazione, da una parte, e la cessione o l'affitto dell'azienda, dall'altra, siano stipulati contemporaneamente in un unico documento, essendo sufficiente che tra i due atti vi sia uno stretto collegamento funzionale e temporale



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive