Tribunale di Monza, 18.06.2012

Si configura il reato di riciclaggio in capo al prevenuto che al fine di trarne profitto, in concorso con altri, acquistava o comunque riceveva da soggetto allo stato non identificato, l'autovettura denunciata rubata dal proprietario, compiendo sulla stessa operazioni tali da ostacolarne l'identificazione, consistite nella sostituzione delle targhe anteriori e posteriori originali ed il tagliando assicurativo relativo al veicolo. Alcun dubbio sussiste in ordine alla configurabilità della fattispecie ascritta, essendo noto come il riferimento normativo alle condotte che ostacolano l'identificazione della provenienza delittuosa, evidenzia che la condotta del soggetto attivo del reato può incidere tanto sulla mera identità del bene, ovvero sulla sua "riconoscibilità", quanto sulla "tracciabilità" del suo percorso. Per escludere il delitto di riciclaggio non basta che il bene resti astrattamente tracciabile se poi se ne alteri l'identità attraverso manomissioni ed interventi sulle sue componenti.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive