Tribunale di Bologna, Sez. lavoro, 03.07.2012

Il D.Lgs. n. 165 del 2001, nella parte in cui all'art. 63 riserva alla giurisdizione del Giudice Amministrativo le controversie in materia di procedure concorsuali per l'assunzione dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazione, fa riferimento non solo alle procedure concorsuali strumentali alla costituzione, per la prima volta, del rapporto di lavoro, ma anche alle prove selettive dirette a permettere l'accesso del personale già assunto ad una fascia o area superiore. In circostanze siffatte, in particolare, a nulla rileva la circostanza che l'azione sia diretta ad ottenere non tanto l'accertamento del diritto all'inquadramento nella fascia superiore, quanto il risarcimento del danno da perdita da ciance, poiché il petitum sostanziale che incide sul riparto di giurisdizione va individuato in base agli elementi oggettivi che caratterizzano la sostanza del rapporto giuridico posto a fondamento della pretesa, per cui nell'ipotesi in cui l'oggetto della controversia, cui risulta etiologicamente collegata la domanda risarcitoria, si individua nella denunzia di illegittimità dell'operato della Pubblica Amministrazione rispetto alla procedura concorsuale, trova applicazione il predetto art. 63, comma quarto, D.Lgs. n. 165 del 2001.



 

Giurisprudenza correlata

 

Argomenti correlati

Informazioni aggiuntive