Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: legittimazione processuale Amministratore Condominio

legittimazione processuale Amministratore Condominio 4 Anni 1 Mese fa #973

Salve, vorrei, per favore, delle delucidazioni da chi è più esperto di me...
In materia condominiale, l'amministratore non ha limiti nella legittimazione attiva a stare in giudizio, in quella passiva, invece, sono dettati dal 1130 C.c. e da eventuali "concessioni" elargite dall'assemblea condominiale o dal regolamento di condominio.
Dunque l'amministratore non ha legittimazione processuale a stare in giudizio senza una delibera assembleare che lo ratifichi ma quest'ipotesi è circoscritta solo nei confronti dei terzi od anche nei confronti del condominio che agisce contro il condominio?
Grazie
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!

legittimazione processuale Amministratore Condominio 4 Anni 1 Mese fa #974

  • RobyRot
  • Avatar di RobyRot
  • OFFLINE
  • Frequentatore realtime
  • studio legale online
  • Messaggi: 51
  • Ringraziamenti ricevuti 3
  • Karma: 2
Cass. civ. n. 16901/2012: La legittimazione passiva dell'amministratore del condominio a resistere in giudizio, esclusiva o concorrente con quella dei condomini, ai sensi dell'art. 1131, comma 2, c.c., non incontra limiti e sussiste anche in ordine alle azioni di natura reale concernenti le parti comuni dell'immobile, promosse contro il condominio da terzi o anche dal singolo condomino. In tali ipotesi, l'amministratore è tenuto solo a riferire all'assemblea (obbligo di mera rilevanza interna e non incidente sui suoi poteri rappresentativi processuali), con la conseguenza che la sua presenza in giudizio esclude la necessità di litisconsorzio nei confronti di tutti i condomini.
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!
I seguenti utenti ringraziano:: Fiandaca82

legittimazione processuale Amministratore Condominio 4 Anni 4 Settimane fa #978

Questa sentenza l'avevo letta anch'io, ma poi ho trovato altra giurisprudenza(che non ho a portata di pc al momento) dove si evinceva che l'Amministratore è si legittimato processualmente ma deve rispettare le direttive che gli forniscono i condomini, non può in alcun modo prendere decisioni di sua sponte, nè in senso positivo nè negativo. Ad ogni modo, si può verificare l'ipotesi, come nel mio caso, che sebbene l'assemblea venga convocata i condomini non presenziano e non si può addivenire ad alcuna decisione pur essendo pendente in capo al condominio un atp da parte di un condomino stesso
Accedi o registrati per partecipare alla discussione. Se sei un professionista, dai un'occhiata qui!
Moderatori: Silvia



Tempo creazione pagina: 0.163 secondi
Powered by Kunena Forum